Giovedì 23 Aprile 2015 17:54

Ritorno alla vita

Valuta questo articolo
(5 voti)

Ritorno alla vita

“Se dunque uno è in Cristo, egli è una nuova creatura; le cose vecchie sono passate; ecco, tutte le cose sono diventate nuove.” II Corinzi 5:17

Capita a tutti di perdere qualcosa, io persi la voglia di vivere. Accadde circa 24 anni fa, quando dentro me iniziò a crescere e radicarsi un profondo disagio, il male del secolo: la depressione. Non potevo frequentare a lungo luoghi ristretti ed affollati; di notte, avvertivo disturbi nel fisico che mi impedivano di chiudere occhio e molto spesso, proprio in quei momenti, i pensieri di morte mi assalivano. Tutto questo, ovviamente, ebbe ripercussioni anche sulla mia vita matrimoniale e il rapporto con mia moglie iniziò a degenerare.

All’epoca non riuscivo a trovare una spiegazione plausibile all’origine di quel malessere interiore: avevo una bella famiglia, un buon lavoro, nessun problema di natura affettiva . Oggi so con certezza che era un piano di Dio per la mia vita!

Non ne potevo più di quella situazione, ero terribilmente stanco. Desideravo ardentemente che le cose cambiassero, dovevo fare qualcosa. Inizialmente, mi rivolsi ad un uomo, un “mago”, che si diceva avesse il potere di aiutare le persone ad uscire dal buio di quel tunnel senza fine. Ma la situazione finì solo per peggiorare. Ero allo stremo delle forze!

Una mattina, venne a farmi visita un amico d’infanzia convertito all’Evangelo. Conoscevo la sua storia, ma cercavo sempre di evitarlo. Quel giorno, però, disperato per la condizione in cui mi trovavo, accettai il suo invito ad accompagnarlo ad una riunione di preghiera. Rimasi colpito nel vedere preghiere così ferventi.

Fu lì, in quella sala, che ebbi per la prima volta la consapevolezza che il male che mi affliggeva da tempo era il male dell’anima. Da quel giorno decisi di aggrapparmi tenacemente al Signore, di dare una svolta alla mia vita. Avevo trovato la soluzione in Cristo Gesù! Fu così che il vecchio Giulio scomparve, come scomparve ogni traccia della depressione. Il Signore mi benedisse dandomi altri due figli, un lavoro più stabile e di rilievo, ma soprattutto, mise in me la Sua Parola affinché potessi rivelarla agli altri, a quanti non lo conoscono e vivono una situazione simile a quella che ho vissuto io.

Oggi c’è un uomo nuovo, rigenerato, che ha fondato la sua vita su Gesù e che nutre fede e speranza in Lui, in attesa della vita eterna.

 

Giulio S., 52 anni

Ultima modifica Giovedì 23 Aprile 2015 18:02