Lunedì 26 Ottobre 2015 16:04

Halloween? No grazie!

Valuta questo articolo
(6 voti)

Col passare del tempo, la festa annuale di Halloween, originaria delle isole britanniche, si è diffusa anche in gran parte dell’Europa, passando per gli USA, diventando un costume affermato, negli ultimi decenni, anche in nazioni come la nostra, che si reputano cristiane e fino a poco tempo fa ignoravano tale celebrazione. Ma che cosa si nasconde realmente dietro le streghe, le zucche e gli scheletri?

Sappiamo che Halloween risale ai celti, che vivevano nella Francia settentrionale e nelle isole britanniche, la loro religione era politeista, e mista a magia e pratiche superstiziose.

Al «dio della morte» o «dio dei morti» (Samhain) era dedicata una festa che cadeva il 31 ottobre. In questo giorno pare si celebrassero persino sacrifici umani.

Tale festività è iniziata a diventare popolare nell'Ottocento, negli USA, dove fu introdotta la famosa zucca, che sostituì le barbabietole utilizzate nelle isole britanniche, e si iniziarono a usare i travestimenti che, oggi, fanno parte della tradizione di Halloween. Per il settore pubblicitario, Halloween è diventata la festa più importante negli USA, e sta iniziando a imporsi anche nelle nazioni europee, più tradizionaliste.

Inoltre, oggi, il 31 Ottobre è diventato importante, soprattutto, per il mondo satanico, visto che in questo giorno vengono celebrate le più importanti celebrazioni della “religione” satanica.

Come si può già osservare, questa festività ha ben poco a che vedere con la tradizione della nostra nazione, e soprattutto in una nazione che si definisce cristiana.

Ora la domanda che vogliamo porre è la seguente: “Perché lasciarsi coinvolgere in una simile festa, che trae le sue origini da una religione politeista e che è legata, oggi, al satanismo?”.

Il punto è che l'uomo, oggi, è incline a dare retta, e a seguire, pratiche pagane e demoniache, ma se si parla di Dio e del cristianesimo, indurisce il proprio cuore. La Bibbia, infatti, dice chiaramente che queste pratiche, negli ultimi tempi, aumenteranno in tutto il mondo, in modo incommensurabile: «Ma lo Spirito [di Dio] dice esplicitamente che nei tempi futuri alcuni si allontaneranno dalla fede, dando retta a spiriti seduttori e a dottrine demoniache.» (1 Timoteo 4:1).

Noi, oggi, piuttosto che festeggiare le tenebre, preferiamo presentarvi la Luce. Questa Luce ha un nome: Gesù Cristo!
Egli, un giorno, disse: “Io come luce sono venuto nel mondo, perché chiunque crede in me non rimanga nelle tenebre.” (Giovanni 12:46).
Perché se questa festa ci parla di morte e tenebre, Gesù ci parla di Vita Eterna e Luce. Quest'anno, invece, di festeggiare la morte, puoi ricevere la Vita Eterna: “Poiché Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinché chiunque crede in Lui non perisca ma abbia la Vita Eterna.” (Giovanni 3:16).

Cerca Gesù e lasciati illuminare da Lui, non sarai mai più solo.

Ultima modifica Lunedì 26 Ottobre 2015 16:28