Domenica 10 Luglio 2011 18:26

Cristo e la Croce

da: Pastore Antonio Romeo | Scritture: Giovanni 8.12-30

Molti sono coloro che si accostano a Gesù, molti sono coloro che, come in passato, lo acclamano nel ricevere dei miracoli. Ma quanti sono coloro che farebbero altrettanto all'udire del messaggio della croce? Cristo e la croce, sono due elementi strettamente interdipendenti, ed imprescindibili. La croce rivela la persona di Gesù, chi è veramente il Cristo. La croce, vista con gli occhi della ragione umana ci parla di morte, di sconfitta, di abbassamento. La fede guarda alla croce in una prospettiva di vita, di vittoria, di innalzamento. Gesù depose volontariamente la sua vita in croce, mirando al frutto glorioso prodotto dal suo sacrificio. La croce permette al peccatore penitente di riconciliarsi con Dio, e di instaurare una relazione con il Padre.
I discepoli vissuti durante il ministero terreno di Gesù, furono grandemente rattristati nell'ascoltare il messaggio della croce, solo Giovanni e la madre di Gesù rimasero sotto la croce.
Ma quando il Figlio di Dio fu innalzato sulla croce, fu riconosciuto come tale da un pagano, il soldato romano. Solo alla croce si comprende la vera identità del Cristo, solo alla croce si può deporre la propria vita ai piedi del Signore per eccellenza.

Ultima modifica Venerdì 15 Luglio 2011 14:49