Sabato, Novembre 18, 2017
Risorse Sermoni Le Scritture La Parola di Dio e la fede
Domenica 17 Aprile 2011 15:17

La Parola di Dio e la fede

da: Pastore Carmine Napolitano | Scritture: 1 Tessalonicesi 2.13

La chiesa primitiva, già nel suo tempo, imponeva una riflessione agli uditori della Parola, circa il suo accoglimento in qualità di Parola di Dio o semplicemente come parola di uomini. Il rendimento di grazie che Paolo rivolge a Dio nell'epistola, riguarda l'accoglimento da parte dei Tessalonicesi della Parola predicata nella prima delle qualità menzionate, ossia come Parola di Dio, che opera efficacemente in coloro che ripongono fede in essa.
La Parola ha difatti in sé una forza che non dipende dal predicatore, ma da Dio stesso che, attraverso lo Spirito, la rende efficace facendola penetrare nell'intimo. La parola diviene vivente quando è accolta con fede, recando di conseguenza trasformazione all'essere umano.
Tre sono le dimensioni della Parola, incarnata, scritta e predicata, strettamente interconnesse tra loro. Un'altra dimensione, ancora, è quella del silenzio dei nostri sentimenti, pregiudizi e parole, che predispone all'ascolto della sua voce.
Solo quando siamo scossi dalle nostre posizioni, facendoci giudicare dalla Parola per mutare direzione, possiamo affermare “Infatti io non mi vergogno dell'evangelo di Cristo, perchè esso è la potenza di Dio per la salvezza di chiunque crede, del Giudeo prima e poi del Greco” (Rom 1:16).

Ultima modifica Sabato 23 Aprile 2011 15:31

Seguici sui social

facebookinstagram

Cerca

Articoli per data

« Novembre 2017 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30