Venerdì, Maggio 24, 2019
Audio Predicazioni

Audio Predicazioni

È con gioia che annunciamo a tutti i nostri visitatori che da oggi sarà possibile...

Possono queste ossa rivivere?

Possono queste ossa rivivere?

Da: Pastore Davide Ravasio | Scritture: Ezechiele 37:1-14

In quel tempo...

In quel tempo...

Da: Pastore Antonio Romeo | Scritture: 2 Cronache 15:1-19

Fuggi le tentazioni

Fuggi le tentazioni

Da: Pastore Antonio Romeo | Scritture: 1 Corinzi 10:12-13; Giacomo 1:13-15

  • Audio Predicazioni

    Audio Predicazioni

    Sabato 01 Aprile 2017 11:25
  • Possono queste ossa rivivere?

    Possono queste ossa rivivere?

    Domenica 05 Marzo 2017 16:50
  • In quel tempo...

    In quel tempo...

    Domenica 26 Febbraio 2017 16:46
  • Fuggi le tentazioni

    Fuggi le tentazioni

    Domenica 19 Febbraio 2017 20:18

Dove siamo

Giugliano in Campania

Cenni storici

La città di Giugliano in Campania fa parte del comprensorio che gli antichi chiamavano Campi Flegrei, per la vicinanza con Licola, Cuma e Pozzuoli. Troviamo citato il nome di Giugliano per la prima volta in un documento dell'anno 1061, ove si parla di un tale «habitator in Vico, qui nominatur Iuliano».

Il territorio Giuglianese fu abitato dalle tribù italiche, popolazioni antichissime. Tra il VI e il V secolo a.C. vi si stanziarono gli Osci, i quali fondarono, tra le molte città, Atella e Liternum, fiorenti sotto il dominio di Roma. L'area fu denominata "Campania Felix", per il clima temperato e la fertilità del terreno; poi fu detta "Liburia", ed infine "Terra Laborios". Non abbiamo una documentazione certa dell'esistenza di un centro abitato in epoca romana, ma una infinità di reperti archeologici ci attestano la presenza di quella civiltà. La tradizione vuole che un nucleo di cumani, rifugiatosi nelle campagne giuglianesi nel 421 a.C., chiamò la zona "Leirianum", per una estesa fioritura di gigli, e quindi "Lilianum".

L'anno 1207 segna una svolta decisiva nella storia del piccolo centro feudale; in quell'anno Cuma fu distrutta dai napoletani perché era divenuta un covo di pirati e di predoni, ma anche perché Napoletani ed Aversani avevano mire espansionistiche su quel territorio. I Cumani fuggiaschi trovarono ospitalità a Giugliano, insieme con il Clero ed il Capitolo Cattedrale.

Di Giugliano, in quanto feudo, abbiamo i primi documenti a partire dal 1270; con la Rivoluzione Francese si ebbe la fine di tutti i privilegi feudali e l'inizio dell'Amministrazione Comunale, seguendo le sorti del Regno delle due Sicilie e poi dell'Italia unita.

Come raggiungerci

In Autostrada: Autostrada A1: da nord, dopo la barriera di Napoli Nord, uscita Acerra-Afragola, in direzione Afragola-Melito. Da sud, direzione A1 Napoli-Roma, uscita Acerra-Afragola, in direzione Afragola/Melito.

In aereo: dall'aeroporto di Napoli Capodichino raggiungere la Stazione Centrale di Napoli (Piazza Garibaldi) con bus di linea. Dalla Stazione Centrale di Napoli autobus di linea per Giugliano.

In Treno: Dalla Stazione Centrale di Napoli (Piazza Garibaldi) autobus di linea per Giugliano. Dalla stazione di Aversa (Ce) autobus di linea per Giugliano


Visualizzazione ingrandita della mappa

Seguici sui social

facebookinstagram

Cerca

Articoli per data

« Maggio 2019 »
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31